Oggi in arte ci vorrebbe più IKI

Come molti di voi sapranno il termine giapponese Ki (più antico quello coreano Ci e il cinese Qi) è un nome molto difficile da tradurre: e soprattutto è stato adottato da molte discipline e materie, dalle arti marziali, alla filosofia, dall'idraulica alla medicina eccetera. Il suo significato nel senso più nucleare è quello di energia, di forza vitale che viene da un dentro di qualcuno o qualcosa. Nell'arte contemporanea devota molto alla denuncia, alla provocazione da un lato; dall'altro al "recupero" del passato recente, pieno zeppo di idee, concetti e giochetti pseudo filosofici, ci si occupa poco o niente di cercare il Ki. Proviamo a immaginarselo il nostro Ki: nelle residenze d'artista? nella public art? nel video? (quello poi!), o persino in certa pittura, frutto di esclusione a priori di certe tecniche tradizionali o antiche, e rifiuto di accettare semplici forme e colore, per paura di apparire banali (forse perché in realtà molti pittori sono banali). Ma ritorniamo alla mancanza del Ki in arte oggi; proviamo a innestarlo in quel mondo fatto di tante esperienze e personalità che prediligono alle mostre esporre macerie, per dimostrare al pubblico che tutto è in rovina, invece di tirar fuori la vera energia-forza che va verso la conoscenza, la propositività e la bellezza. Ma veniamo termine che più ci interessa con precisione; una variante del Ki, una sola i aggiunta davanti. Viene sempre da Giappone: Iki. Questo nome proviene dal territorio dell'erotismo, è di colei/lui che sa mantenere le tensioni e controllare gli stati del rapporto sessuale; è una figura di eccellente, elegante, che sa respirare; di chi gestisce le istanze e la creatività liberamente, con spontaneità e abolendo le elucubrazioni mentali riesce a far andare a braccetto l'etica con l'estetica, vedi appunto l'arte. Fu il filosofo e raffinatissimo scrittore giapponese Kuki Shuzo a maneggiare questo termine e a definirne il vero senso, lo fece in piccolo trattato pubblicato in Italia da Adelphi. In Occidente Iki è praticamente impossibile tradurlo. Kuki essendo stato amico di Heiddeger, ebbe modo di parlare del significato di Iki tanto che il filosofo tedesco nel suo formidabile "In cammino verso il linguaggio", tradusse forse un po' maldestramente Iki con "grazia". Io non andrei oltre, penserei che fosse il caso di lasciare il termine Iki così come è; sottolinerei però che in questo momento storico l'arte avrebbe bisogno di più Iki.

Claudio Parrini

 

©Outarte 2017 All rights reserved. Riproduzione vietata.

Ph johnlindsay-Morguefile